Progetto Italia Malta
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11

Save the date: venerdì 11 dicembre evento conclusivo Promed 2- PO: Italia - Malta 2007 - 2013

Si svolgerà venerdì prossimo, 11 dicembre, presso la Cantina Marabino in contrada Buonivini Noto (Sr) l’evento conclusivo di presentazione dei risultati del Progetto: "La protezione dell'ambiente nelle isole del mediterraneo attraverso la valorizzazione di un sistema colturale arboreo - PROMED 2". 
L’obiettivo principale dell’incontro è quello di presentare i risultati ottenuti nell’ambito del progetto “La protezione dell'ambiente nelle isole del Mediterraneo attraverso la valorizzazione di un sistema colturale arboreo – PROMED”. Le principali attività condotte nell’ambito del suddetto progetto sono state: uno studio sulla valorizzazione delle uve e dei vini prodotti a Malta e nelle Isole minori, un manuale per la gestione sostenibile del vigneto, un Sistema Informativo Territoriale per la gestione del territorio agricolo delle isole di Linosa, Pantelleria e Malta nonché la caratterizzazione dei suoli, delle viti e delle uve nei territori prima citati. 
In occasione dell’evento conclusivo verranno descritti in particolare il SIT implementato per l’isola di Pantelleria, realizzato anche in versione semplificata e coadiuvato da manuale tecnico esplicativo, per essere facilmente utilizzato dal maggior numero di utenti. Verranno inoltre illustrate le buone pratiche di gestione sostenibile del vigneto ed il contributo dell’IRVO alla valorizzazione del sistema vigneto nelle Isole minori del Mediterraneo. Sarà infine presentato il disciplinare volontario di gestione dei vigneti predisposto dall’associazione dei produttori maltesi VitiMalta. 
Al convegno, prenderanno parte docenti universitari, liberi professionisti, esperti del settore e tecnici regionali.

Scarica il programma (.pdf)

Scarica la scheda di adesione (.pdf)

PO Italia-Malta: tecnici di nuovo in campo con Promed

CSEI Catania, Università di Malta e VitiMalta, coordinati dall’IRVO, sono tornati a lavoro per portare avanti alcune azioni aggiuntive al progetto ProMed, con il finanziamento del PO Italia-Malta 2007/2013.
L’obiettivo di questa iniziativa è quello di capitalizzare alcuni dei risultati ottenuti da Promed, e in particolare: il SIT attraverso la realizzazione di una nuova versione per utenti non esperti al fine di incrementare il numero di potenziali fruitori;  le tecniche innovative di gestione dei vigneti, attraverso la stesura di un disciplinare volontario di gestione dei vigneti a beneficio in particolare dei soci di Vitimalta; la caratterizzazione dei vini attraverso lo studio della shelf life dei vini rossi prodotti con uve maltesi e la valorizzazione dello zibibbo di Linosa.

Promed guarda al futuro e chiama l’Europa

Mancano ormai pochi giorni per la conclusione del progetto, ma Promed guarda già al futuro cercando di individuare nuovi percorsi per la ricerca. Con questo spirito l’Istituto Regionale del Vino e dell’Olio, capofila del progetto, in collaborazione con l’Autorità di Gestione del Programma Operativo Italia-Malta 2007/2013 ha organizzato una visita istituzionale alla quale hanno partecipato due rappresentati della Commissione Europea, Maria Carvalho e Manuela Passos.

 promed

  
Il programma dei lavori ha previsto per la mattinata di oggi un workshop (guarda le foto) nel corso del quale i rappresentanti dei partner di progetto hanno avuto non soltanto la possibilità di dare evidenza dei risultati conseguiti nell’ambito del progetto di cooperazione nelle isole di Linosa, Pantelleria, Malta e Gozo, ma anche l’occasione per individuare elementi di interesse per una eventuale prosecuzione del progetto.

Leggi tutto: Promed guarda al futuro e chiama l’Europa

Intervista all'onorevole Roderick Galdes

Roderick GaldesIn occasione del seminario conclusivo del progetto Promed abbiamo intervistato ll'onorevole Roderick Galdes
Parliamentary Secretary for Agriculture, Fisheries and Animal
Rights a Malta

Onorevole Galdes, uno dei risultati più tangibili del progetto
Promed è la ristrutturazione della cantina sperimentale di
Buskett. Che ruolo potrà avere in futuro questo centro per la viticoltura maltese e come pensa il Ministero di gestirla?
The Buskett research station will serve as the location where local vintners can carry out research trials on the production of innovative wine products and the oenological potential of new vine varieties on a small scale, which they are unable to do because they do not have the experimental facilities required. This will enable them to remain competitive by being able to respond to changing market trends. It will also serve as a place where vine growers can obtain technical information regarding the suitability to indigenous and non-indigenous vine varieties to our pedoclimatic conditions and also obtain help regarding correct vineyard management practices, rationalisation of water resources in the vineyard and also correct phytosanitary vineyard management. Chemical and microbiological analysis shall also be carried out to monitor the quality of local DOK/IGT and table wines. The Buskett research station will be managed by a committee set up by the Ministry for Sustainable Development, the Environment and Climate Change and research trials shall be carried out by a team of qualified technicians appointed by the Ministry.

Leggi tutto: Intervista all'onorevole Roderick Galdes

End-of-Project Event - Malta 10 giugno 2013

invito

Programma degli interventi:

Saluti delle autorità Maltesi

Daniele Oliva (Irvo) – “La valorizzazione delle uve e dei vini delle isole minori del Mediterraneo”

Feliciana Licciardello (Csei Catania) –  “Il Sistema Informativo Territoriale: uno strumento per la protezione ambientale delle Isole del Mediterraneo”

Everaldo attard (Università di Malta) – “Gli effetti dei fattori ambientali sulle uve cultivate a Malta”.

Claudette Gambin (MRRA Malta) – “La Cantina sperimentale di Buskett”

Degustazione di una selezione di vini sperimentali ProMed

© 2011 PO Italia Malta 2007-2013
Payoff Progetto Italia Malta